CSC

  • paf, apribile parallelo, apribile a pantografo, facciate continue, montanti e traversi,
  • paf, apribile parallelo, apribile a pantografo, facciate continue, montanti e traversi,
  • paf, apribile parallelo, apribile a pantografo, facciate continue, montanti e traversi,
  • CSC_4
  • facciate continue, uffici, retro,montanti e traversi,
  • facciate continue, produzione, capannone, retro,montanti e traversi,
  • lamiere stirate, produzione, capannone, retro
  • lamiere stirate, produzione, capannone, retro
  • pensilina, materiali compositi, alucobond, reynobond, stacbond, composito d’alluminio
  • interni, facciate continue, uffici, retro,montanti e traversi,
  • interni, porta a bilico, uffici, facciate continue, ingresso, bussola
  • interni, uffici, facciate continue, ufficio, retro,montanti e traversi,
  • interni, scala, rampa, uffici
  • interni, scala, rampa, uffici, cosciali
  • interni, scala, rampa, uffici, cosciali
  • interni, scala, rampa, uffici, cosciali
  • interni, porta a bilico, uffici, facciate continue, ingresso, bussola
  • interni, porta a bilico, uffici, facciate continue, ingresso, bussola

 

La composizione del nuovo quartier generale CSC è il risultato dell’accostamento di due fabbricati, uno per la produzione e l’altro per gli uffici.
Nel primo, la progettista ha scelto una particolare colorazione in tono con l’ambiente e Nicolli ha contribuito con serramenti e lamiere stirate per i vani tecnici.
Il corpo uffici invece è caratterizzato da un grande volume tutto vetro (in facciata a montanti e traversi) su cui se ne incastra un altro in muratura con due grandi logge interamente vetrate. Qui gli apribili ad apertura parallela (o a pantografo), i cosiddetti PAF, occupano l’intera altezza di vano.
Nella bussola d’ingresso una porta a bilico invita ad entrare nella hall a doppia altezza. Nicolli ha realizzato anche la pensilina del parcheggio auto rivestita in materiale composito e la leggera scala interna in acciaio e vetro, materiale protagonista di questa architettura luminosissima.

Condividi su: